Archive for the ‘Manifestazioni’ Category

Valenza del gioco degli scacchi.

Sempre più numerose sono le iniziative del mondo accademico che corroborano le tesi sulla grande valenza del gioco degli scacchi a scuola e sempre più numerose sono le occasioni di confronto per realizzare collaborazioni e sperimentazioni in tal senso. Mercoledì scorso, grazie all’invito del Comitato Regionale Scacchi Sardegna, ero presente alla “Giornata di incontro tra Scuola e Università” organizzata dalla Facoltà di Scienze della Formazione e degli Studi Umanistici dell’Università degli studi di Cagliari.

Un momento della conferenza

L’incontro prevedeva due ore di conferenza e due ore di laboratori tematici incentrati sul gioco degli scacchi. Ha aperto i lavori il professor F. Paoli con un’introduzione sulle connessioni tra scacchi e matematica, citando la celebre leggenda di Sissa. Il presidente del Comitato, Antonello Pannella, ha parlato degli scacchi in Italia e in Sardegna con particolare riferimento agli scacchi scolastici; poi in un’altra relazione ha trattato gli scacchi in rapporto con l’informatica e i media. Poi è stata la volta di Eugenio Dessy, vicepresidente del Comitato, che ha parlato degli scacchi dal punto di vista storico-culturale. Infine il mio intervento per illustrare la mia personale metodologia didattica e fare una panoramica sulla psicomotricità su scacchiera gigante.


La platea, molto numerosa grazie alla partecipazione di insegnanti, studentesse universitarie e soprattutto allievi di scuola primaria, si è dimostrata particolarmente attenta e curiosa. Al termine delle relazioni ci sono stati i laboratori: Scacchi tradizionali (a cura di A. Pannella e E. Dessy), Scacchi nel piano (a cura di P.Nieddu ed E. Moro), Campo di battaglia (a cura di M.A. Floris e M. Altea) e il laboratorio di Scacchi e Psicomotricità curato da me e Alessandro Depau. Il tutto sotto l’attenta regia della Dott.ssa Barbara Raspa che ha fortemente voluto coordinato tutto l’evento.

Il laboratorio di giocomotricità

Bellissimo il laboratorio “Campo di battaglia” curato da Maria Assunta Floris dove i bambini hanno costruito le scacchiere su cui poi hanno giocato con un entusiasmo contagioso!

 

Il Campo di battaglia

Grande successo per tutte le iniziative: tutti i laboratori molto partecipati con giovanissimi della scuola primaria accompagnati dalle loro maestre e studentesse universitarie che osservavano la pratica di gioco; inoltre numerosissime anche le maestre di scuola dell’Infanzia. Sulla scacchiera gigante abbiamo proposto giochi di movimento utili per imparare i movimenti dei pezzi. Poi per far giocare più persone contemporaneamente abbiamo proposto il gioco delle due Regine che devono catturare gli otto pedoni che si muovono tutti assieme. Abbiamo mostrato alcuni procedimenti facili di scacco matto e infine abbiamo fatto fare una partita tra i bambini e gli universitari.

37^ Coppa Città di Sassari

Una sfida tra Antonello Piga e Pierpaolo Loriga nel 1974

Tra pochi giorni, dal sei all’otto gennaio, si svolgerà a Sassari la 37 Coppa Città di Sassari, valida anche come fase provinciale del Campionato Italiano Assoluto. Soluzione questa già adottata da qualche anno (non sempre è stato possibile in verità…) per fare di necessità virtù dovendo fare a meno, volontariamente, dei contributi comunali concessi per le manifestazioni sportive e culturali. Come gli scacchisti già sapranno, infatti, il contributo irrisorio che da anni il Comune ci assegnava non era più neppure congruo a coprire le spese logistiche, così ci siamo avvalsi della dignità di rifiutare quella che pareva essere al più una mancia a fini elettorali.
Ma questo post non vuole essere di polemica “spicciola” ma vuole invece raccontare cosa sono stati gli scacchi a Sassari in oltre quarant’anni dalla fondazione del Circolo Torres, che da diversi anni ormai non ha neppure una sede sociale per le proprie attività.
Già, perché dall’anno di fondazione nel lontano 1971 presso il complesso del Tennis Torres (da cui il nome) la Coppa Città di Sassari ha visto delle edizioni di grandissimo livello tecnico: è iniziato come torneo cittadino, appannaggio dei più bravi giocatori che avevano fondato il circolo (come Sergio De Sortis, Giacomo Vetrano, Pierpaolo Loriga, Bruno Manunza, Maurizio Javarone, Lorenzo Maldarelli) per diventare presto un classico appuntamento regionale che coinvolgeva i migliori scacchisti sardi (come Edoardo e Antonio Buchicchio, Mario Nurchis e Domenico Pes, Rodolfo Leoni) , per poi approdare ad un livello magistrale di tutto rispetto (con le battaglie “epiche” tra la scuola sassarese e quella cagliaritana, con Enzo Neri e Gianlazzaro Sanna, successivamente dei maestri Gianpaolo Buchicchio, Alessandro Guerra, Simone Basciu, Isacco Ibba) ed aver raggiunto anche un livello internazionale (con lo slavo Ljibisavljevic, il francese Axel Delorme ed il talento oristanese Francesco Sonis vincitore delle due ultime edizioni); chi volesse dare un’occhiata può consultare direttamente l’Albo d’oro della manifestazione.

Nonostante le alterne vicissitudini il Circolo Scacchi Torres ha esercitato invece una costante opera di diffusione del gioco soprattutto negli oratori e nelle scuole, sfornando negli ultimi dieci anni non meno di 200 nuovi appassionati all’anno, contemporaneamente organizzando manifestazioni pubbliche e corsi anche nelle carceri cittadine. Proprio la diffusione nelle scuole (una decina quelle attualmente coinvolte) potranno essere la speranza per  un ricambio generazionale (e sarebbe il terzo) che già si vede dalle ultime edizioni della Coppa, che sempre più vede giovani talenti in lizza per i primi posti (qui per brevità ricordiamo oltre al già citato Francesco Sonis anche Matteo Pitzanti, Yuri Sanna, Kilian Le Creurer) e le nuovissime leve (Maria Cuccu, Rebecca Cossu, Vittorio Deroma, Francesca Atzeni, Giovanni Sanna e tanti altri).

Quindi, in conclusione, l’auspicio è che questa prossima edizione possa onorare un passato tanto glorioso ed essere magari anche l’occasione per un rilancio degli scacchi a Sassari oppure l’inizio di una nuova esperienza nei paesi limitrofi, come Sorso, dove già una decina di classi sta muovendo quest’anno i primi passi sulla scacchiera.

34^ Coppa Città di Sassari

Si è conclusa domenica scorsa la 34^ Coppa Città di Sassari, svoltasi anche quest’anno presso il Convitto Nazionale del Canopoleno di Sassari dal 12 al 20 gennaio. Nonostante da diversi anni non possa contare su contributi comunali la manifestazione ha mantenuto un elevato livello tecnico e una grande partecipazione (sessanta giocatori provenienti da tutta la Sardegna) a dimostrazione della grande attesa che riscuote sempre questo classico appuntamento.

Erano previsti due tornei: uno aperto a tutti e valido anche come fase provinciale del Campionato italiano assoluto, l’altro riservato agli Under 16 (e che ha visto 14 partecipanti tra gli 8 e i 13 anni). La direzione arbitrale era affidata a Costantino Biello di Porto Torres e Marcello Deidda di Ossi.

Premiazione del vincitore. Foto di P. Loriga

Al termine dei sette turni previsti per l’Open A (solo 6 per l’Under 16) la vittoria è andata a sorpresa ad Emanuele Serra di Ozieri (che si aggiudica così anche il titolo di Campione provinciale per il 2013), vincitore dello spareggio tecnico contro l’Olbiese Roberto Buchicchio (secondo a pari punti) e all’altro Olbiese Angelo Zuccarelli (l’unico che ha sconfitto il vincitore). Seguono Alessandro Altea, del Circolo Cagliaritano ed Enrico Santilli di Ulassai. Nei primi dieci troviamo alcuni dei favoriti alla vigilia: i Candidati Maestri Enzo Neri (attuale presidente del Comitato Regionale Scacchi Sardegna) e Ottavio Messina; le prime nazionali Buchicchio Alessandro, Pierpaolo Loriga e Samuele Carta. Grandissimi risultati anche quello di Francesco Sonis di Oristano (già secondo ai campionati italiani Under 10 dello scorso anno!), e dell’esordiente di Ittiri Giovanni Andrea Canu.

Per quanto riguarda invece il torneo Under 16 c’è da registrare la vittoria per spareggio tecnico, davvero di un soffio, di Luca Sonis di Oristano davanti al Sassarese Mario Tangianu (studente del Canopoleno) nonostante quest’ultimo abbia vinto nello scontro diretto ma abbia sprecato con due pareggi finali. Al terzo posto il bravissimo Marco Caddia, che ha preceduto il miglior under 8 Vittorio Deroma (entrambi sassaresi). Quinto posto per Marco Zubani di Osilo.

Entrambi i tornei erano anche tappe del nuovo Grand Prix regionale e pertanto erano dotati di un premio speciale, una targa per la più bella combinazione: andata ad Ottavio Messina per la sua partita contro Paolo Camboni e nel torneo Under 16 al giovanissimo Arsen Pogosian per la sua partita contro Margherita Marruseddu.

Il premio per la miglior donna classificata nel campionato provinciale dalle mani dell’Assessore allo sport della Provincia di Sassari, Livio Mura,  è andato ad Erika Pili di Iglesias (ex campionessa italiana under 14); mentre quello della miglior classificata della Coppa città di Sassari dalle mani dell’Assessore al Patrimonio del Comune di Sassari, Gavino Tedde,  è andato alla giovane Francesca Atzeni (che come Maria Cuccu, Francesco Sonis, Matteo Pitzanti, Carlo Cao, Kilian Le Creurer) ha sfidato i veterani dell’open A piuttosto che giocare per vincere il torneo Under 16. Scelta vincente per Maria Cuccu che ha così guadagnato la categoria Terza Nazionale.

Altri premi speciali sono andati a:

Enrico Santilli come miglior CM (quadro donato da Gianvito Murtas)
Alessandro Altea come miglior Prima Nazionale
Antonello Pannella di Marrubiu, come miglior Seconda Nazionale
Francesco Sonis come miglior Terza Nazionale
Giovanni Andrea Canu, come miglior Non Classificato.

Nel torneo Under 16:

Vittorio Deroma miglior Under 8
Rebecca Cossu migliore Under 8 femminile
Marco Zubani miglior Under 10
Maria Cristina Pannella miglior U10 femminile
Marco Caddia miglior under 12
Mario Tangianu miglior under 14.

Tutti i risultati si possono consultare sul sito Scacchi Torres di Pierpaolo Loriga.

 

Categorie
Cookies help us deliver our services. By using our services, you agree to our use of cookies. More Info | Close