FSI: terzo mandato per Gianpietro Pagnoncelli!

Il Presidente Gianpietro Pagnoncelli, al terzo mandato!

Si sono svolte ieri a Milano le elezioni per il rinnovo del Consiglio Direttivo della Federazione Scacchistica Italiana, e si sono concluse – come era largamente prevedibile – con una riconferma del Presidente uscente Gianpietro Pagnoncelli e di gran parte della sua lista di riferimento, che conferma i consiglieri uscenti Marcello Perrone, Gaetano Quaranta, Luigi Troso, Giuliano D’Eredità, Edoardo Bonazzi (in quota società); Fabrizio Ranieri e Marco Sbarra (in quota giocatori) e Giovanni Trifoglio come Presidente dei revisori dei conti. Le novità del prossimo consiglio sono quelle del sottoscritto in quota istruttori, e delle new entries Tosca Proietti e Sergio Pagano (in quota società) che ha superato l’ex consigliere Emilio Bellatalla. L’amico Giuseppe Sgrò non ha ricevuto voti sufficienti, ma sono sicuro che potrà ancora dare il suo prezioso contributo per la Commissione medico-scientifica.

Elezione in quota istruttori: la prima volta della Sardegna!

La mia elezione, per quanto in linea con la candidatura del presidente Pagnoncelli, non era affatto scontata: primo per la caratura dei miei avversari Walter Ravagnati (al quale va il merito di aver presentato all’assemblea un validissimo programma) e Angelo Spada (assente per la forte nevicata in Abruzzo). Per quanto mi riguarda è una delle più grandi soddisfazioni  della mia vita, per il quale devo essere grato a così tante persone che non finirei mai di elencare, ma in questo post voglio rendere grazie per tutti gli attestati di stima che ho ricevuto praticamente da tutte le regioni d’Italia. Devo ringraziare uno per uno tutti gli amici istruttori che hanno creduto in me: Alessandro Dominici, Maria Teresa Arnetta, Lexi Ortega, Pierluigi Passerotti, Giulio Calavalle, Franco Loi, Paolo Silvestri, Riccardo Merendino, ma anche i tantissimi che mi hanno sostenuto moralmente e persino quelli che hanno votato per Ravagnati ma che mi hanno dimostrato una grande simpatia umana.
Molto probabilmente devo ringraziare anche tutti coloro che “dietro le quinte” si sono mobilitati per la mia elezione con un’opera di pubblicità presso i vari Comitati Regionali.

Personalmente ho affrontato questa sfida con la massima tranquillità che mi deriva dal fatto di avere in anticipo ricevuto la grande considerazione della Federazione Scacchistica Italiana che solo nel 2009 mi aveva prescelto per presentare la mia innovativa metodologia al convegno di Torino: “Gli scacchi: un gioco per crescere”; e che nel 2010 mi premiò come Miglior istruttore dell’anno per le Isole e il Sud. Questa grande attenzione verso il mio appassionato lavoro ha fatto sì che non avessi alcuna remora nell’accettare la sfida di un grande competitor come Walter Ravagnati, e mi ha dato la serenità di restare aperto a qualsiasi risultato. La mia soddisfazione aumenta quando penso di aver raggiunto un record anche nell’essere il primo Sardo che potrà contribuire alla guida della Federazione Scacchistica Italiana: e questo lo considero – senza alcuna retorica – anche un riconoscimento della grande attività giovanile che si sta sviluppando nella mia terra grazie al proficuo lavoro fatto dal Comitato Regionale da quindici anni a questa parte.
Spero di essere all’altezza della situazione, di essere il destinatario di tutte le istanze che gli istruttori italiani vorrano comunicarmi e di prendere al volo tutte le opportunità che i tempi ci stanno presentando: una rivendicazione del ruolo degli scacchi nella Scuola dopo la recente dichiarazione scritta del Parlamento Europeo; la nuova armonizzazione europea dei sistemi di qualifiche delle Associazioni sportive (il cosiddetto SNaQ); la nuova popolarità che i bei risultati di Fabiano Caruana stanno imponendo ai media; le nuove piattaforme tecnologiche (ultima FSI Arena, per la quale ha relazionato i primi 5 giorni di attività lo sponsor tecnico Claudio Selleri de “Le due Torri” di Bologna, dove si potranno acquisire rating on-line, ma anche nuovi spazi per la didattica per singoli e circoli).

Le benemerenze della FSI.

La giornata di ieri è stata per me particolarmente emozionante anche per altri motivi, primo tra tutti l’onorificenza del titolo di maestro a due miei grandi amici: Carlo Alberto Cavazzoni e Alessandro Pompa! Ad entrambi mi lega non solo un’amicizia ma anche un’ammirazione continua per il loro lavoro nella pedagogia e nella didattica. Altra bella soddisfazione per il caro Bruno Manzardo premiato come socio benemerito della Federazione grazie al suo apporto costante di idee e di collaborazione direttiva, insieme a Giuseppe Lamonica, Antonio Rosino e Giovanni Longo (anche lui Maestro ad honorem!)

 

 

5 Responses to “FSI: terzo mandato per Gianpietro Pagnoncelli!”

  • Stefano Tescaro says:

    congratulazioni Sebastiano

  • Luciana says:

    Sono davvero felice per te… un grande traguardo!!
    Congratulazioni Seba… sei un grande!!

  • Grazie Stefano!
    Devo riconoscere che la mia popolarità tra gli istruttori italiani è iniziata soprattutto per merito tuo e di Scacchi012, per il quale prometto di scrivere al più presto gli articoli che riguardano il lavoro “federale”!

  • Samuele says:

    Complimenti Sebastiano!

  • Luca says:

    Congratulazioni 🙂
    a presto!

Leave a Reply

Categorie
Cookies help us deliver our services. By using our services, you agree to our use of cookies. More Info | Close