Partite ridotte

Questa settimana è stata particolarmente positiva: sono iniziati due nuovi laboratori al Convitto del Canopoleno di Sassari, che per il terzo anno consecutivo dedica agli scacchi uno spazio fisso. Inoltre ho avuto favorevoli comunicazioni di inizio di nuovi laboratori a Sorso (una seconda ed una terza elementare), ad Ossi (una classe di scuola dell’infanzia), in via Forlanini (altre due classi oltre la terza che già seguo settimanalmente).

Sono ancora in attesa del bando ufficiale per poter riprendere anche le lezioni presso l’ottavo circolo che purtroppo quest’anno dovrò drasticamente ridimensionare rispetto agli anni scorsi; per fortuna sono corso ai ripari con l’appuntamento fisso all’oratorio di via Washington dove con l’aiuto di Samuele Carta seguiamo un bel gruppo di ragazzi.

Intanto questo mercoledì ho potuto proseguire con le lezioni presso la scuola primaria di Osilo, dove si respira un grande entusiasmo. Questa volta abbiamo rispolverato una vecchia prassi: quando due giocatori finiscono rapidamente una partita e non è possibile provvedere ad un nuovo abbinamento allora li impegno nel ripasso di qualche finale fondamentale (matto coi pezzi pesanti o con la Donna), oppure una partita ridotta con i soli pedoni.
Questo esercizio, molto più rapido di una partita normale,  serve per fargli prendere confidenza sul modo migliore di avanzare i propri pedoni. La partita si può considerare finita quando il primo pedone giunge a promozione.

Leave a Reply

Categorie
Cookies help us deliver our services. By using our services, you agree to our use of cookies. More Info | Close