La partecipazione delle donne negli scacchi.

Ho tradotto dal web un articolo a firma di NotoriusLTP relativo ad una ricerca sulla differenza nelle capacità di uomini e donne nel giocare a scacchi. Cliccando sul titolo seguente potrete vedere l’articolo in Inglese.

La partecipazione spiega le differenze di genere nella proporzione dei Grandi Maestri di Scacchi.

 

Abbiamo avuto e abbiamo una discussione in corso su questo blog sul fatto che la disparità tra uomini e donne nelle scienze sia il risultato di una differenza innata nella capacità cognitive o il risultato di alcuni fenomeni sociali come la partecipazione selettiva o la discriminazione sociale. Sfortunatamente una delle complessità di questo dibattito è che non c’è davvero alcun criterio oggettivo per quanto buono possa essere uno scientifico. Potete guardare l’importanza delle pubblicazioni e l’impatto delle riviste, ma confrontare questi numeri tra i vari i campi è molto difficile. Mancano misure oggettive.

Sarebbe interessante osservare un analogo sistema per la scienza – cosa che richiederebbe molte abilità spaziali e matematiche – ma con misure oggettive. Anche questo sistema dovrebbe avere qualche disparità tra maschio e femmina. Guardando a questo sistema potremmo essere in grado di capire meglio perché ci sono meno donne e applicare queste conoscenze alla scienza come a qualsiasi altra occupazione.

Con questo in mente, Chabris e Glickman, nella pubblicazione sull’ultimo numero della rivista Psychological Science, hanno fatto un enorme studio retrospettivo utilizzando i dati dei 13 anni di partite dei giocatori di scacchi della Federazione degli Stati Uniti.

La Federazione Scacchistica degli Stati Uniti ha un sistema di classificazione in cui vengono seguiti i giocatori per tutta la vita agonistica. Questo ci permette di monitorare cosa stanno facendo i ragazzi e le ragazze nei loro primi anni, quanti di loro rimangono coinvolti o lasciano, e come molti di loro diventano grandi maestri. Inoltre il problema della disparità è più grande che nella scienza, rendendo questo insieme di dati molto interessante. Degli 894 grandi maestri di scacchi nel 2004, solo 8 di loro sono donne.

Introduzione

Prima di parlare dei propri dati, Cabri e Glickman riassumono molto bene le spiegazioni che potrebbero essere presentati per la disparità tra uomini e donne in termini di prestazioni degli scacchi:

  • In primo luogo, ci potrebbe essere qualche differenza innata di abilità tra uomini e donne complessivamente rispetto alle abilità necessarie per giocare bene a scacchi. Questa differenza di media o della variabilità non ha bisogno di essere grande nel segmento superiore della distribuzione in cui i giocatori di scacchi operano per affermare la capacità spaziale, una piccola differenza si tradurrebbe in una grande differenza nella rappresentazione. Chiamano questa l’ipotesi di distribuzione dell’abilità.
  • In secondo luogo, la discriminazione può comportare una differenza nella partecipazione attraverso diversi standard. Tuttavia, non ritengono che ciò sia un problema per questo studio particolare perché le classifiche degli scacchi sono misure oggettive. Non si può discriminare qualcuno quando il loro genere non può essere calcolato nelle loro performance.
  • In terzo luogo, ci potrebbe essere un differenziale di percentuale di abbandono tra ragazzi e ragazze. Un numero uguale di ragazzi e ragazze con pari abilità potrebbe iniziare la formazione di scacchi, ma un minor numero di ragazze potevano affermarsi diventando grandi maestri di scacchi. Chiamano questa l’ipotesi di abbandono differenziale.
  • Infine, un minor numero di donne potrebbero auto-selezionarsi per partecipare agli scacchi. Se un minor numero di donne di talento scelgono di partecipare a scacchi, in primo luogo, con un naturale calo ci saranno meno gruppi da cui può risultare un maestro. Chiamano questa ipotesi del tasso di partecipazione.

Chiunque visiti un torneo open di scacchi (cioè aperto a entrambi i sessi) sarà colpito meno dalla mancanza di donne ai vertici della tabella dei risultati che per la loro assenza in tutti i livelli. Solo il 9,7% di tutti le partite ufficialei della USCF nel 2004 sono state giocate da donne. E ‘possibile che la mancanza di donne ai vertici sia un conseguenza del loro inferiore tasso di partecipazione complessivo (Charness & Gerchak, 1996). Anche se gli uomini e le donne hanno la stessa distribuzione base di abilità, un maggior numero di migliori giocatori saranno uomini, se il numero complessivo degli uomini in competizione è maggiore (l’ipotesi del tasso di partecipazione). Cioè, se un minor numero di donne rispetto agli uomini iniziassero a partecipare ad una competizione organizzata, il tasso di abbandono e le capacità cognitive potrebbero essere uguali, anche se le donne sarebbero ancora relativamente minori ai vertici.

Dati

Lo studio ha esaminato tutti i giocatori di scacchi che erano attivi nel periodo 1992-2004 – considerando  l’età, il sesso, provenienza, e classifiche. Essi descrivono il punteggio di rating come segue:

Il rating USCF di un giocatore è una stima della sua attuale forza di gioco su una scala che varia generalmente da 1000 a 3000; rating più elevati sono associati ad una migliore abilità di gioco: giocatori di tornei media di solito sono attorno tra il 1400 e il 1600, campioni di scacchi sono generalmente superiori a 2200, e giocatori di classe mondiale tendono ad essere superiori a 2500. Il rating USCF è essenzialmente una stima dei parametri di merito (da Bradley e Terry (1952) modello per confronti a coppie) calcolato utilizzando un algoritmo di filtraggio bayesiano di aggiornamento rating nel corso del tempo (Glickman, 1999).

Dopo aver esaminato i dati i ricercatori hanno fatto quattro dichiarazioni riassunte di seguito:

  • Hanno scoperto che gli uomini e le donne differiscono nella capacità di scacchi in tutte le età, anche dopo le differenze come frequenza di gioco (leggi: livello di formazione). O l’età sono state prese in considerazione La disparità tra uomini e donne nella capacità esistente all’inizio e persistente attraverso tutte le età. Almeno apparentemente questo darebbe credito all’ipotesi di distribuzione di abilità, nel senso che esso suggerisce che la capacità media tra uomini e donne sono per natura differenti. L’ultima parte di dati osserva se questo è vero.
  • Essi non hanno trovato varianza maggiore negli uomini rispetto alle donne. E ‘stato suggerito che poiché la scienza seleziona per le persone nel segmento superiore della distribuzione, una varianza maggiore negli uomini rispetto alle donne ciò potrebbe spiegare anche la loro maggiore rappresentanza. Tuttavia, i ricercatori hanno scoperto che – per quanto riguarda gli scacchi – in gruppi di maggiore età nelle donne c’è maggiore varianza degli uomini. In effetti non si spiegano le differenze del numero di maestri.
  • Hanno trovato che le donne e gli uomini non abbandonano più o meno frequentemente quando la capacità e l’età sono un fattore vantaggioso. Ad esempio, se non sei molto bravo a scacchi hai maggiori probabilità di smettere di giocare tornei, ma ragazze e ragazzi che sono altrettanto bravi hanno la stessa probabilità di smettere di giocare. Questo da un grande colpo alla ipotesi di abbandono differenziale.
  • Infine, ecco la parte più interessante. Se si guarda al tasso di partecipazione delle donne riguardo alle prestazioni, si scopre che nei casi in cui il tasso di partecipazione di donne e uomini è uguale la disparità nella capacità svanisce. Fondamentalmente, questo significa che in popolazioni dove ci sono un numero uguale di uomini e donne, tra i giocatori non c’è grande disparità tra capacità maschili e femminili – e non certo una disparità nelle capacità sufficiente a spiegare la differenza del numero di maestri.

Nelle loro parole:  Infine, abbiamo affrontato l’ipotesi del tasso di partecipazione. Se nella popolazione generale il numero di ragazzi che giocano a scacchi è sostanzialmente maggiore del numero di ragazze, i migliori diventano membri USCF e giocano competitivamente, ne consegue che statisticamente la media rating dei ragazzi sarà più alto rispetto alla media delle ragazze (tra i giocatori competitivi), anche se la distribuzione delle competenze nella popolazione generale è la stessa (Charness & Gerchak, 1996; Glickman & Chabris, 1996). Infatti, le ragazze sono molto meno propense rispetto ai ragazzi ad entrare negli scacchi competitivi, il che suggerisce che la popolazione generale delle ragazze che giocano a scacchi è molto più piccolo di quello dei maschi. Fattori esterni come la relativa mancanza di modelli femminili fra i migliori giocatori del mondo e la prospettiva di giocare una competizione dominata dai ragazzi può essere scoraggiante per le ragazze (o i loro genitori), sia direttamente, riducendo la loro probabilità di imparare a giocare, in primo luogo o indirettamente, riducendo la loro prestazione iniziale nel gioco competitivo tramite l’ansia di prestazione o stereotipo di minaccia (Steele, 1997). Così, è possibile che, in media, le ragazze hanno negli scacchi rilevanti capacità cognitive, ma il maggior numero di ragazzi che giocano a scacchi porta a un significativo più alto rating nella popolazione USCF.

I ragazzi avevano generalmente rating più elevati rispetto alle ragazze, in particolare nelle località a maggioranza maschile. Tuttavia, nei quattro campioni di provenienza con almeno il 50% delle ragazze (aree di Oakland, CA; Bakersfield, California, Lexington, KY, e Pierre, SD), i ragazzi non hanno rating più elevati. A Oakland, con la massima percentuale (68%) delle ragazze del campione, il rating medio delle ragazze è superiore a quello dei ragazzi, anche se non in modo significativo. La combinazione di tutti i luoghi di provenienza in cui la percentuale di ragazze era almeno il 50%, la differenza sessuale è stata solo di 35,2 punti a favore dei maschi, che non era significativa (p = .59). Lo stesso risultato è stato ottenuto in un periodo di aggiustatamento per l’analisi, che ha prodotto una differenza tra i sessi di 40,8 punti (p = 0,53).

L’abbastanza costante vantaggio significativo dei maschi fino a quando il tasso di partecipazione femminile del 50% sia stato raggiunto suggerisce un effetto soglia: i fattori che limitano i livelli di prestazione delle ragazze possono dipendere dal loro essere in minoranza, ma non sulla dimensione relativa della maggioranza di sesso maschile (in altre parole, 50% di ragazze può costituire una “massa critica”).

Dare un senso a questi dati

Sto per fare un’analogia per dare a questi dati ancora più senso. Perché, come sembra, gli Stati Uniti ha sostanzialmente meno giocatori buoni di calcio rispetto al resto del mondo? E ‘evidente che ha buoni atleti. Noi giochiamo bene negli altri sport. Formiamo gli atleti altrettanto bene. Perché gli altri paesi fanno molto meglio?

La risposta è che quando si è un buon atleta negli Stati Uniti, non si sceglie di giocare a calcio. Si finisce per giocare a qualcosa d’altro come il football o il basket. La differenza di prestazioni è legata ad una differenza nella partecipazione.

Questi dati sostengono con forza che la differenza di prestazioni delle donne negli scacchi è anche un problema di partecipazione. Il problema non è che le donne non possono giocare bene a scacchi. Il problema è che le donne che giocano abbastanza bene a scacchi non scelgono di giocare a scacchi. Ci possono essere diverse ragioni sociali perché non scelgono di farlo o sono scoraggiate dal farlo: io vi permetterò di speculare sui motivi a vostro piacimento. Tuttavia, questi dati sostengono con forza l’ipotesi del tasso di partecipazione.

Potremmo applicare questi dati alla nostra esperienza nel campo della scienza. Ci sono state – credo – 4 donne nella mia classe di laurea a Stanford, che si sono laureate in Computer Science al fianco di circa 100 uomini. Il problema non è che non ci sono donne che potrebbero essere migliori nell’Informatica. (Le donne che ho incontrato presso la Stanford erano certamente dotate a sufficienza.) Il problema era che per qualsiasi ragione esse o non volevano o non erano incoraggiate a partecipare a tale obiettivo.

La scoperta che ci sia una massa critica di partecipazione è anche interessante. Penso che farà sicuramente aprire un dibattito per sapere che, almeno rispetto a questo sistema, se è possibile ottenere una partecipazione fino al 50% si può risolvere il problema delle prestazioni.

Si vedano anche questi articoli:

http://www.physorg.com/news150954140.html

http://www.chessbase.com/espanola/newsdetail2.asp?id=5416

http://www.chessbase.de/nachrichten.asp?newsid=8563

http://www.ajedrezdeataque.com/11%20Ajedrez%20Femenino/Femenino.htm

http://soloscacchi.altervista.org/?p=23716

One Response to “La partecipazione delle donne negli scacchi.”

Leave a Reply

Categorie
Cookies help us deliver our services. By using our services, you agree to our use of cookies. More Info | Close