Dentro la scacchiera

Mancano pochi giorni al termine delle lezioni scolastiche e si concludono molti progetti iniziati quest’anno, tra cui quello della psicomotricità su scacchiera gigante col quale – grazie al generoso contributo economico della Circoscrizione n° 1 del Comune di Sassari – ho coinvolto 5 classi di prima elementare delle scuole di via Genova, Via Washington e via Forlanini. Nelle prime lezioni ho fatto prendere confidenza con gli spazi, con l’ausilio di griglie disegnate, di scacchiere murali e naturalmente delle scacchiere pavimentate negli appositi spazi attrezzati. Quindi ho proseguito via via proponendo momenti ludici in cui i bambini dovevano individuare delle strategie sia individuali sia a squadre per poter arrivare alla performance richiesta.

In tutte queste occasioni ogni bambino ha potuto giocare (tra cui anche alcuni bambini seguiti da insegnanti di sostegno!) e nessuno è rimasto escluso. Verso la fine dell’anno, avendo già svolto un numero sufficiente di ore di psicomotricità pura, ho iniziato a proporre giochi pre-scacchistici, seguendo un suggerimento di Roberto Rivello (presidente del Comitato Regionale Piemonte, che grazie all’impegno di Alessandro Dominici della Commissione didattica e scuola della FSI ha fortemente voluto un’appendice del monitoraggio INVALSI per questa pratica innovativa).

Così ho gradatamente presentato i movimenti dei pezzi ai bambini, che dovevano agirli sulla scacchiera gigante con diversi accorgimenti motorii, servendomi di sagome realizzate col cartone oppure di pezzi in plastica, con grande gioia dei bambini. Anche i giochi di “caccia al tesoro” o di “memory” (realizzati con l’ausilio dei fumetti di Fabio Lanza) hanno iniziato ad essere più mirati verso la direzionalità dei pezzi degli scacchi, comportando un maggior impegno per il ragionamento e l’attenzione degli allievi. La suddivisione in due o più squadre ha spesso aggiunto anche l’elemento della competitività, attenuato dal fatto che i meriti o le “colpe” venivano suddivisi su un gruppo piuttosto che su un singolo.

I giochi di memoria e attenzione sono un po’ difficili da realizzare nel contesto della scacchiera gigante perchè i bambini hanno voglia di muoversi e preferiscono quindi i giochi “d’azione” dove possono dar libero sfogo alle loro energie rimaste sopite durante la giornata scolastica.

Ieri, in via Forlanini, come ultimo appuntamento ho proposto dei giochi all’aperto nel grande spazio del cortile scolastico, che avendo una griglia di grandi quadrati era anche adatta a ripercorrere molti dei giochi fatti durante l’anno (“I 4 cantoni” “La staffetta” “Rubabandiera” “Palla avvelenata” “Gira la ruota” ecc.)

Le maestre mi confermano che i bambini aspettano tutta la settimana la mia “lezione” e che sono persino presente nei loro disegni, come una figura molto significativa nel loro immaginario scolastico: cosa che mi fa enormemente piacere!

Leave a Reply

Categorie
Cookies help us deliver our services. By using our services, you agree to our use of cookies. More Info | Close