Problem solving

Passate le vacanze pasquali è ripresa l’attività delle scuole, e sono riprese anche le lezioni di scacchi. Questa settimana è stata all’insegna del problem solving (ma gli scacchi sono sempre problem solving: ad ogni mossa bisogna risolvere problemi…).

Le varie classi di prima elementare che sto seguendo sono all’incirca allo stesso livello, per cui anche gli argomenti sono simili. Giovedì con il gruppo misto (prime e seconde) del Canopoleno di Sassari abbiamo visto l’arrocco: ho prima spiegato come si esegue (due passi del Re verso la Torre e la Torre che scavalca il Re e si pone al suo fianco), facendo notare che si può eseguire da un lato e dall’altro (corto o lungo).

 Quindi, uno per uno, ho chiamato tutti i bambini alla scacchiera murale per eseguirlo con le proprie mani: chiedevo soltanto “Fai l’arrocco lungo del Bianco” oppure “Fai l’arrocco corto del Nero”. Quindi sono passato alla spiegazione delle regole dell’arrocco: quali sono le condizioni (spazio libero tra Re e Torre con cui si arrocca; non aver mosso Re o Torre interessata; non essere sotto scacco né attraversare case attaccate da pezzi avversari…).

Dopo queste informazioni ho fatto un secondo giro di domande, mettendo sulla scacchiera ideografica una situazione in cui era possibile un solo arrocco che i bambini chiamati dovevano scoprire. Trovo che questo sia un metodo molto proficuo per farli imparare.

Stamattina invece sono stato con le prime elementari di via Washington (8° circolo), e con loro ho ripassato i movimenti dei pezzi con l’espediente di insegnare loro il valore di scambio dei pezzi: mettevo una posizione in cui un pezzo bianco poteva catturare diversi pezzi neri, ed i bambini (sempre uno alla volta) dovevano catturare il pezzo di maggior valore! Con questo metodo si scoprono anche i bambini che ancora non hanno ben compreso il movimento dei pezzi… Nel pomeriggio ho replicato la stessa lezione anche coi bambini delle prime elementari della scuola di Latte dolce (13° circolo), invitandoli ancora una volta alle partite amichevoli al parco.

Queste lezioni hanno il pregio di durare pochissimo (15 minuti o venti al massimo) e di lasciare il giusto tempo per la pratica di gioco. Inoltre il vantaggio è quello del gran coinvolgimento della loro attenzione: non si deve fare un monologo col rischio di essere seguiti solo da cinque bambini e non capire quanto stanno imparando.

Inoltre il fatto che devono risolvere un piccolo quesito stimola molto la loro competitività e quando ricevono un complimento aumentano molto la loro autostima e si rallegrano molto…

Leave a Reply

Categorie
Cookies help us deliver our services. By using our services, you agree to our use of cookies. More Info | Close